Vivara


Vai ai contenuti

Menu principale:


Vivara Viva !

L'isola di Vivara > Le nostre iniziative per Vivara > Manifestazioni e Convegni


2° Incontro - Dibattito sulla Gestione della  
Riserva Naturale Statale
dell’Isola di Vivara (Procida - Golfo di Napoli)

Con il patrocinio di Regione Campania, Provincia di
Napoli e Comune di Procida

16, 17, 18 Giugno 2006



Davanti a un pubblico, che per la verità si attendeva un po' più folto, si è svolto venerdì 16 giugno 2006 a Palazzo Serra di Cassano a Napoli il 2° Dibattito organizzato dalla nostra associazione per fare il punto sulla situazione dell'isolotto di Vivara che,  nonostante sia stato dichiarato Riserva Nazionale Statale dal 2002, versa ancora in una situazione di degrado assoluto specialmente per lo stato degli edifici.
Per un intero giorno - dalle 9:30 alle 19:00 - si sono accesi i riflettori su questa tematica riunendo tutte le personalità politiche e scientifiche deputate ad avere voce in capitolo sull'argomento.
A differenza del 1° dibattito svoltosi lo scorso dicembre a Procida nella villa Scotto Pagliara, questa volta si è ottenuto anche un cospicuo contributo scientifico oltre che politico.

In mattinata si sono alternati gli interventi politici con quelli degli studiosi, i rappresentanti della Regione Campania, della Provincia di Napoli e del Comune di Procida hanno dato vita ad un accesa disputa incentrata principalmente sul contratto di fitto dell’isola che come si sa è proprietà privata.
Il fitto fu stipulato con la Regione praticamente dal 1973 al 2002 e non è stato più rinnovato. Dopo l’introduzione di Roberto Gabriele – responsabile dell’associazione Vivara Onlus – ha aperto il dibattito Gabriella Cundari assessore all’Urbanistica e alle Politiche del Territorio della Regione Campania che ha rivendicato il ruolo sempre presente della Regione confermato poi da Ciro Alvino funzionario dell’assessorato Agricoltura e Attività produttive dello stesso organismo. L’assessore Francesco Borrelli della Provincia di Napoli, portando i saluti del Ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio impossibilitato ad intervenire,  ha contrastato successivamente tali tesi in controversia anche con gli esponenti del Comune di Procida Elio de Candia e Tommaso Strudel dando vita, come detto, ad un accesa polemica.





Sempre in mattinata sono intervenuti: il Prof. Marco Masseti dell’Università di Firenze che ha lungamente parlato degli aspetti paleozoologici delle piccole isole, la Dott.ssa Maria Cristina Gambi della stazione zoologica Dohrn di Napoli che ha illustrato le caratteristiche dei fondali di Vivara in collegamento con l’istituenda Area Marina protetta denominata “Il Regno di Nettuno” che già da diversi anni è in “allestimento” per tutelare l’area flegrea con le isole di Procida, Ischia e Vivara ma che non ci si decide a far decollare. Il geologo Daniele Coppin ha infine esposto sugli aspetti geomorfologici collegandoli ad una gestione del territorio attraverso una corretta ristrutturazione dei sentieri soggetti a microfrane. Ha concluso la sessione mattutina l’imprenditore Maurizio Marinella, a febbraio eletto Presidente della Riserva Naturale Statale Isola di Vivara, la cui relazione è stata decisamente più concreta dal momento che ha annunciato per Vivara: lo sblocco di alcuni fondi del Ministero, l’acquisto di  un natante per la guardia forestale a disposizione per controllare l’isola  dal mare, l’istallazione per il periodo estivo di vasche di acqua dolce per intervenire in caso di incendi boschivi, l’impiego di personale LSU a tutela e manutenzione essenziale e la costituzione di un approdo mobile, almeno nei mesi estivi, per riprendere le visite e cominciare quindi a dar vita a questo isolotto che da anni attende una ripresa.  

Dopo una pausa con buffet si sono ripresi i lavori in pomeriggio. Assenti i politici si sono succeduti i vari interventi degli studiosi che per la prima volta dal 1989, quando si era svolto un ultimo convegno simile, si sono ritrovati insieme a discutere sulla questione Vivara.
È stata senza dubbio la parte più interessante sopratutto per gli illustri nomi convenuti, ha introdotto ancora Maurizio Marinella, rivelatosi davvero interessato al problema Vivara, che ha passato la parola al Prof. Elio Abatino il quale ha discusso sul potenziale didattico che può avere l’isola sui giovani studenti, sono stati successivamente e sapientemente illustrati gli aspetti della gestione del territorio dal Prof. Giovan Battista de’ Medici, quelli botanici dal Prof. Vincenzo La Valva entrambi dell’Università Federico II di Napoli, il giudice Giovanni Lubrano di Ricco ha raccontato dell’esperienza che lo ha visto scongiurare nel 1972 le mire di aziende che volevano trasformare Vivara in un villaggio turistico, la Prof.ssa Carla Pepe dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli ha riferito sulle ricerche archeologiche, anche in ambito subacqueo, con interessanti ricostruzioni al computer, e il Prof. Costantino D’Antonio rappresentante della LIPU di Procida che ha riportato dati sulle ricerche pluviometriche da lui effettuate in collaborazione con Davide Zeccolella, si è espresso poi sulla fauna terrestre e avicola dell’isola.
Il convegno si è concluso con una proiezione sconvolgente di immagini degli edifici di Vivara come erano nel 1992, all’epoca in cui era presente sull’isola l’Unione Trifoglio del compianto Prof. Giorgio Punzo, confrontate con quelle attuali incredibilmente degradate e commentate dal Prof. Luigi Miraglia insigne latinista e Presidente dell’Accademia Vivarium Novum (Montella). Insomma una riunione davvero completa di eminenti personalità tutte alla fine concordi che l’isola di Vivara rappresenta un vero e proprio laboratorio all’aperto per studenti e ricercatori nonché un sito dalle grandi potenzialità turistiche, in definitiva una enorme risorsa per Procida, la Provincia di Napoli, la Regione Campania e lo Stato italiano.
Lasciateci infine sottolineare lo sforzo della nostra associazione che da nove anni si muove per veder risollevato questo isolotto che ci sta tanto a cuore, uno sforzo riconosciuto da tutti i convenuti e che ha avuto anche una eco significativa da parte degli organi di stampa.




La nostra iniziativa VIVARA VIVA! è proseguita sabato 17 con una visita guidata a Procida dove un gruppo di partecipanti guidati da Simona Ferraioli e Rosita Russo della nostra associazione, ha visitato la Terra Murata con l’Abbazia di San Michele e il caratteristico borgo marinaro della Corricella.

Domenica 18 a bordo della motonave Adriatic Princess della GESTUR, 160 persone hanno preso parte alla passeggiata prevista. Partiti da Napoli, durante la traversata per raggiungere Procida, il Prof. Elio Abatino, con dovizia di particolari, ha illustrato tutta la costa cittadina di Napoli con interessanti riferimenti storici e, giunti a Procida, ha continuato la sua sapiente esposizione spiegando l’isola mentre si circumnavigavano le sue acque.
Su Vivara ha preso la parola il Prof. Luigi Miraglia che, memore dei 16 anni trascorsi sull’isolotto insieme all’Unione Trifoglio, ha riportato storia e curiosità dell’isola leggendo anche alcuni scritti del prof. Punzo. Sbarcati a Procida il gruppo si è recato nel nostro Centro di Documentazione su Vivara allestito alla Villa Scotto Pagliara. Qui si è proceduto ad una breve proiezione riguardante gli anni luminosi della presenza dell’Unione Trifoglio a Vivara che hanno visto l’isolotto essere un centro vivo di educazione per ragazzi. Ha preso la parola successivamente la Dott.ssa Gabriella Cundari, assessore regionale, che ha esortato a non mollare la lotta che ci vede impegnati in prima linea per risollevare le sorti di Vivara.


La giornata si è conclusa con un concerto per archi a bordo della motonave nella suggestiva cornice del golfo di Gènito (quello di Vivara che guarda Procida). Isabella Parmiciano, Daniela Comegna, Valentina Bottiglieri ai violini, Nicola Angellotti alla viola e Tina Pugliese al violoncello hanno eseguito musiche di Mozart, Dvorak, Albinoni e Verdi concludendo una “tre giorni” all’insegna della cultura oltre che dell’impegno per Vivara.
(
Vedi i nostri concerti 18 giugno 2006)
La Dott.ssa Cundari e Maurizio Marinella, anch’essi presenti a bordo della motonave, hanno seguito con grande partecipazione tutta la programmazione dei tre giorni della nostra iniziativa.

A loro va il nostro ringraziamento che si estende vivamente a quanti hanno contribuito alla perfetta realizzazione della proposta VIVARA VIVA! Ovvero :

L’ASSOCIAZIONE OPERATORI TURISTICI ISOLA DI PROCIDA, il RISTORANTE HOTEL LA TONNARA, il BAR DEL CAVALIERE, il BAR ROMA, il GM BAR,il BAR GROTTINO, L’ASSOCIAZIONE CHIAIOLELLA BORGO MARINARO, L’ASSOCIAZIONE MILLENNIUM, L’ASSOCIAZIONE MAIA, il CORO POLIFONICO S. LEONARDO, Il CORO POLIFONICO LE PLEIADI L’ASSOCIAZIONE PROCHYTAS, Il Prof. LUIGI MIRAGLIA, L’avv. DANIELE RUSSO.


Torna ai contenuti | Torna al menu