Vivara


Vai ai contenuti

Menu principale:


Il Clima

L'isola di Vivara > L'isolotto > Approfondimenti



Dal punto di vista meteorologico Vivara, che si trova nell’ombra orografica dell’Epomeo, il vulcano d’Ischia, non presenta diversità notevoli rispetto a quest’ultima e Procida. L’indice di piovosità è basso (745 mm. annui misurati a Procida), ma tuttavia di poco superiore a quello di alcune località costiere dei Campi Flegrei continentali.
Il clima è mite; la temperatura media invernale si mantiene sui 10°, quella estiva intorno ai 25°. L’umidità relativa è piuttosto alta durante tutto l'anno, tanto da doversi ritenere eccezionali i valori minimi registrati qualche volta di 40-50%, e normale invece con punte massime d’intensità e di costanza nel trimestre giugno-agosto i valori del 90-95%, e anche del 100%.
I venti colpiscono Vivara con notevole violenza da tutte le direzioni, con una certa attenuazione nel settore di sud-ovest per il riparo che offre all'isoletta la mole del monte Epomeo (788 metri).
Le mareggiate più violente sono quelle che agitano il Golfo di Gènito con i venti di sud e di sud-ovest: le cime delle onde allora scavalcano le testate del ponte, e questo rimane praticamente inattraversabile.
In generale si può affermare che il clima dell’isola di Vivara rispecchia nei suoi aspetti quello di tipo mediterraneo, caratterizzato da aridità estiva, piogge concentrate in autunno-inverno e in pochi temporali con precipitazioni torrenziali, mitezza delle temperature invernali. Pur tuttavia, nel complesso il clima risulta meno caldo e secco di quanto ci si potrebbe attendere.
Tali condizioni climatiche favoriscono lo sviluppo di una vegetazione caratterizzata da piante sempreverdi, con foglie coriacee ed epidermide resistente e impermeabile (leccio, mirto, corbezzolo), di piante con foglie ridotte (ginestra, erica) e di piante annuali.






Pianta di Procida e Vivara


Torna ai contenuti | Torna al menu