Vivara


Vai ai contenuti

Menu principale:


Abbracciamo Vivara

Eventi

UN GRANDE EVENTO SI PREPARA PER IL 9 SETTEMBRE 2017


ABBRACCIAMO VIVARA


Un 'abbraccio' da Guinness all'isolotto di Vivara (Napoli), verrà realizzato da circa quattromila persone con l’ausilio di decine di piccole barche senza motore, con l'obiettivo di sensibilizzare i più giovani sulla necessità di rispettare l'ambiente e la natura. E' l'iniziativa suggerita dalla nostra associazione e annunciata e organizzata dal Movimento Eco Sportivo, già protagonista nel 2001 di un Guinness record per aver realizzato il ponte tibetano più lungo del mondo tra Procida e Vivara.
Testimonial dell'evento il campione olimpionico di nuoto e pallanuoto Francesco Postiglione.



Prenota la tua partecipazione

per essere un "anello" dei 4000
che abbracceranno Vivara






Articoli e Video già pubblicati


27 settembre 2016
primo video di Roberto Gabriele
del'associazione Vivara che illustra il progetto





26 ottobre 2016


Tribù Ecosport



TGR CAMPANIA - del 3 novembre 2016

si parla di Abbracciamo Vivara

nel video dal minuto 7:35



9 novembre 2016

Campaniasuweb

_____________________________________________________________________________

IL MATTINO Napoli Nord 17 novembre 2016

______________________________________________________________

Regolamento del concorso studentesco relativo a


Zero Waste World Guinness Record
Abbracciamo Vivara
scarica

_________________________________________________________________


Presentazione di “Zero Waste World Guinness Record-Abbracciamo Vivara”.


Si è tenuto il
28 ottobre 2016 alle ore 11.30, presso l’Istituto d’istruzione Secondaria Superiore Francesco Saverio Nitti in via J. F. Kennedy 140-142 a Napoli la presentazione del concorso studentesco “Zero Waste World Guinness Record-Abbracciamo Vivara”.

(Agenzia VISTA) Napoli, 28 ottobre 2016
Un 'abbraccio' da Guinness all'isolotto di Vivara (Napoli), verrà realizzato da circa quattromila persone con l’ausilio di decine di piccole barche senza motore, con l'obiettivo di sensibilizzare i più giovani sulla necessità di rispettare l'ambiente e la natura. E' l'iniziativa annunciata oggi a Napoli, nel corso di un incontro con gli studenti dell'Istituto superiore Saverio Nitti, dal fondatore del Movimento Eco Sportivo Carlo Ferrari, già protagonista nel 2001 di un Guinness record per aver realizzato il ponte tibetano più lungo del mondo tra Procida e Vivara. Testimonial dell'evento il campione olimpionico di nuoto e pallanuoto Francesco Postiglione.

Il progetto “Abbracciamo Vivara”, promosso dalla associazione nazionale di protezione dell’ambiente Movimento Eco Sportivo, prevede la realizzazione di un “abbraccio-record” in mare, coinvolgendo circa quattromila persone con l’ausilio di decine piccole barche senza motore, da realizzare tra l'Area marina protetta Regno di Nettuno e la Riserva Naturale Statale Isola di Vivara, sabato 9 settembre 2017, con l'obiettivo di sensibilizzare in particolare i giovani sulla necessità di una maggiore cultura di rispetto dell'ambiente e della natura. Nell'ottica della strategia indicata dalla Zero Waste\Rifiuti Zero Italy, “Abbracciamo Vivara” sarà il primo Guinness che adotterà metodologie “Verso rifiuti Zero” suggerite dagli studenti delle classi delle scuole secondarie di primo e secondo grado delle regioni Lazio, Campania, Lombardia, Sicilia ed Abruzzo, attivate grazie alla partecipazione della Sportec, agenzia formativa riconosciuta dal Miur.Per permettere la partecipazione delle scuole al concorso, l'organizzazione ha attivato nel portale ecosport.it, la community delle attività Solidali con la Terra, una apposita sezione “Abbracciamo Vivara”.Alla conferenza stampa di presentazione del progetto hanno partecipato: Luisa Franzese, direttore generale Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Francesco Postiglione, olimpionico di nuoto e pallanuoto, pluricampione con il Circolo Posillipo, oggi telecronista della nazionale di pallanuoto e vice presidente della Federazione
Capitano di Fregata Francesco Perrotti, in rappresentanza dell'ammiraglio Arturo Faraone, commissario dell'Area marina protetta Regno di Nettuno
Bruno Molea, presidente nazionale Aics (Associazione italiana cultura e sport, Ente CONI), neo presidente dello CSIT, Organizzazione internazionale deputata alla promozione sportiva, Carlo Ferrari ideatore del progetto Zero Waste World Guinness Record “Abbracciamo Vivara” e autore del precedente Guinness il ponte tibetano più lungo del mondo Procida-Vivara - 2001, Giuseppe Ferrante, Presidente Movimento Eco Sportivo, Franco Matrone Zero Waste/Rifiuti Zero Italy, Maurizio Parmiciano vicepresidente Vivara onlus amici delle piccole isole. Saranno anche presenti delegazioni di docenti e studenti.




IndietroPlayAvanti


* * *



"Tra l’isola d’Ischia e quella di Procida sorge dalle onde marine il cratere di Vivara, il quale viene così a trovarsi quasi nel centro di questa regione flegrea, che prima di ogni altra sulla terra diede agli uomini la visione dei fenomeni prodotti dai fuochi ipogei.
Quando il cratere di Vivara emerse fuori dalle onde, cadde immediatamente in preda alle forze distruttive ed elaboratici degli agenti esteriori, che attaccarono e attaccano tuttora senza posa né requie la nuova creazione delle forze ipogee.
Il vecchio scuotitore della terra infatti, con le sue possenti e corrodenti onde saline, agitate dagli spiriti grandi dell’aquilone e del libeccio, assalì d’ogni parte la giovine isola emergente dal suo seno e fino al giorno d’oggi non s’arrestò nella sua opera di demolizione, abbattendone i pinnacoli, scalzandone le valli e squassandone tutta la tenera compagine con l’urto delle sue acque spumanti.
Il cratere di Vivara è quindi destinato a soccombere sotto il dente edace del mare, della pioggia e del tempo: esso in un tempo geologicamente brevissimo perirà e si trasformerà, così come perisce e si trasforma ogni cosa, che si è originata e formata.
I suoi materiali, plasmati dai fuochi sotterranei, non han fatto che fissarsi fugacemente nella forma di un cratere vulcanico, la quale, distrutta a sua volta dall’acqua, cederà il luogo ad altre forme o specie naturali, per cui si manifesta l’essenza animatrice del mondo.
Ma questa intanto, conforme al pensiero di Eraclito, permane sempre Una e medesima, sia che trovi via d’esprimersi per mezzo
dell’acqua, o per mezzo del fuoco".

Giuseppe De Lorenzo, Il Cratere di Vivara nelle isole flegree – Napoli 16 Giugno 1900.







Torna ai contenuti | Torna al menu